Logo Polkadot

COS’È POLKADOT

Polkadot è un protocollo decentralizzato, ispirato dalla tecnologia delle blockchains, che permette di collegare le blockchains e altre tecnologie per poter effettuare scambi d’informazioni e transazioni tra di loro, in modo totalmente sicuro. Collega le blockchains, sia pubbliche che private (fintanto che si ha accesso) e altre tecnologie. Pertanto, la rete di Polkadot migliora l’interoperabilità e aumenta la scalabilità e la sicurezza delle blockchains che ospita:

INTEROPERABILITÀ

Polkadot facilita lo scambio e le transazioni, di dati e di beni, tra blockchains pubbliche e private, smart contracts, applicazioni, oracoli e altre tecnologie web3

SCALABILITÀ

Economico, perché dispone di validatori che garantiscono catene multiple (parachains), e transazionale, perché elabora le transazioni in parallelo

SICUREZZA COLLETTIVA

Polkadot fornisce sicurezza, indipendentemente dal protocollo che si sta utilizzando. Pertanto, fa sì che le catene individuali ottengano la sicurezza collettiva
Red de Polkadot transparente

¿Come funziona Polkadot?

Polkadot è una rete decentralizzata che collega le blockchain. Ha fino a quattro livelli: la blockchain principale, chiamata Relay Chain, collega le diverse blockchain e facilita gli scambi tra di loro. Le parachains o blockchains semplici che compongono la rete Polkadot. I parathreads o parachains a pagamento. Infine, i ponti o i connettori a blockchain indipendenti.

Relay Chain Polkadot

RELAY CHAIN

La Relay Chain è la blockchain principale di Polkadot. Collega diverse parachains e facilita gli scambi e le transazioni di dati, beni, ecc. È la base per l’interoperabilità tra le catene, così come la sicurezza condivisa e quindi il consenso della rete.

Parachain Polkadot

PARACHAINS

Una parachain è una blockchain semplice, che corre parallela (da cui il nome) alla blockchain principale di Polkadot, o Relay Chain. Possono essere molto diversi l’uno dall’altro, nell’architettura, nel sistema di governo, nei token, ecc. Le parachains permettono anche di parallelizzare le transazioni e rendono Polkadot un sistema scalabile e sicuro.

Parathread Polkadot

PARATHREADS

I parathreads sono parachains a pagamento. Sono un’opzione economica per le blockchain che non richiedono una connettività continua.

Puente Polkadot

Ponti

I ponti rendono facile per le parachains di Polkadot connettersi e comunicare con le blockchains indipendenti, come Bitcoin, Ethereum, ecc. Questo è un progresso molto importante nel mondo della crittografia perché, fino a ora, le blockchain non potevano comunicare tra loro. Polkadot risolve questo problema facilitando ogni tipo di scambio.

Il valore di Polkadot

Quanto vale Polkadot? Gli esperti prevedono che i token  Polkadot o DOT arriveranno sul mercato con un prezzo approssimativo di oltre 700 dollari.

PER MAGGIORI INFORMAZIONI

Bitcoin a confronto con Ethereum a confronto con Polkadot

Bitcoin, Ethereum e Polkadot sono tre valute basate sulla tecnologia blockchain. Ma cosa li rende diversi? Mentre il Bitcoin è solo una moneta virtuale, l’Ethereum integra smart contracts (o istruzioni che vengono eseguite nella blockchain quando una condizione è soddisfatta). A differenza di un contratto scritto, sono inalterabili). E Polkadot è un protocollo decentralizzato che ospita le valute (DOT), integra smart contracts e facilita l’interoperabilità tra diverse blockchain.

Quale problema risolve Polkadot?

Nel 2009 è nata Bitcoin e la tecnologia blockchain. A quel tempo, creare una blockchain propria era molto complicato. Oggi, tuttavia, ci sono istituzioni e aziende che creano le proprie blockchain, per garantire la sicurezza dei dati riservati. Per esempio, le banche. Per questo motivo ci sono sempre più blockchain. Tuttavia, le blockchain non possono comunicare tra loro, ma una blockchain può scambiare dati e beni solo nella propria rete. Polkadot risolve questo problema, permettendo di aggiungere blockchains (con scopi diversi) alla sua rete e di comunicarli, generando interoperabilità. D’altra parte, Polkadot permette di costruire nuovi progetti sui progressi compiuti da altri progetti esistenti, che accelereranno notevolmente l’innovazione nel mondo della crittografia.

Chi c'è dietro Polkadot?

Se state pensando di investire in un progetto (o in una criptovaluta) è importante scoprire chi c’è dietro. I fondatori di Polkadot sono persone molto influenti nel mondo delle blockchain:

1 ⃣  Dr. Gavin Wood, co-fondatore ed ex CTO di Ethereum. Ha dato grandi contributi all’industria delle blockchain, come: Solidity (un linguaggio di programmazione di alto livello per la progettazione di smart contracts sulla macchina virtuale di Ethereum), così come Whisper (un protocollo di comunicazione decentralizzato) e la prova dell’autorità (un protocollo di consenso per le blockchain private). Gavin Wood, è stato anche ex presidente della Fondazione Web3 e attualmente guida l’innovazione in Substrate e Polkadot. Ha coniato il termine Web 3.0, nel 2014.

2️ ⃣ Peter Czaban, Direttore Tecnico della Fondazione Web3. Lavora allo sviluppo della prossima generazione di tecnologie distribuite. Ha inoltre lavorato in vari campi: business, nuove tecnologie (data analysis, machine learning), ecc.

3️⃣ Robert Habermeier, membro di Thiel e della comunità Rust. Esperto in crittografia, blockchains e sistemi distribuiti.

Fundadores de Polkadot

Fotografia di Robert Habermeier, Gavin Wood e Peter Czaban, Fondatori di Polkadot 

Polkadot è il primo progetto della Fondazione Web3, una fondazione che lavora allo sviluppo di un Internet decentralizzato. Questa fondazione sta lavorando con i migliori partner del settore per lanciare Polkadot, così come le applicazioni e i servizi che funzioneranno sulla sua rete.

Quali sono i ruoli in Polkadot?

➡️ Nominators: forniscono sicurezza alla Relay Chain selezionando validators di fiducia e gli DOTs che faranno staking.

➡️ Validators: forniscono sicurezza alla Relay Chain attraverso lo staking dei DOT, convalidando il lavoro dei collators e partecipando al consenso con altri validators.

➡️ Collators: lavorano nelle parachains. Essi raccolgono le transazioni, generano i test e li inviano ai validatori, in modo da poter finalizzare i blocchi. Il white paper di Polkadot contempla un’evoluzione del loro ruolo, poiché sottolinea che i collators potrebbero finire per dare supporto ai validatori, verificando i blocchi di alcune parachains. I collators forniscono anche un ulteriore livello di sicurezza alla rete, un lavoro simile a quello dei miners del Bitcoin.

➡️ Fisherman: sono responsabili del mantenimento della sicurezza della rete di Polkadot, monitorandola e segnalando i comportamenti dannosi ai validatori. I fishermans sono ricompensati quando riescono a dimostrare un comportamento sleale. I collators e i full nodes possono svolgere questo ruolo.

Per ulteriori informazioni, si consiglia di consultare il Wiki di Polkadot.

A cosa servono i DOTs?

Poter far parte del governo di Polkadot. Polkadot è un protocollo decentralizzato che ha un sofisticato sistema di governo che prende in considerazione l’opinione di tutte le parti interessate. Il suo codice permette ai possessori di token o DOT di partecipare al governo: possono correggere e anche aggiornare il protocollo, modificando la dinamica delle aste, determinando le tariffe di rete, definendo il calendario per l’aggiunta delle parachains, tra molte altre funzioni. Un privilegio, a volte, esclusivo dei miners. In questo modo, fanno in modo che Polkadot sia fedele ai valori della comunità e che riesca a evitare la stagnazione.

Sostenere il meccanismo di consenso di Polkadot. Polkadot dipende dai titolari dei DOT per funzionare.

Aggiungere nuove parachains alla piattaforma. Le parachains obsolete saranno rimosse.

Trasferire informazioni o beni attraverso le parachains. I validatori Polkadot riceveranno DOTs per l’invio d’informazioni o beni attraverso le parachains. A seconda del mercato, gli utenti pagheranno una tassa o l’altra per questo tipo di transazioni.

I DOTs possono essere considerati valute virtuali?

La Web3 Foundation non ritiene che lo scopo dei token Polkadot o DOTs sia quello di diventare valute virtuali e, pertanto, non intende sviluppare alcun meccanismo che permetta lo scambio di DOTs con valuta come l’Euro o il Dollaro. Tuttavia, molto probabilmente i DOTs finiranno per essere utilizzati come valute virtuali. In realtà, però, i DOTs sono molto più di una valuta virtuale.

Logo Bitcoin
Logotipo Ethereum
Logo Ripple
Logo IOTA
Logo Gram
Logo Polkadot
Logo Kusama
Logo Filecoin